[S-fotografie] MFC Newsletter n. 3/2005 - 10 marzo

Laura.Gasparini a municipio.re.it Laura.Gasparini a municipio.re.it
Ven 11 Mar 2005 08:42:09 CET





Ricevo dal Museo della Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo e
inoltro alla lista
Saluti
L.G. - Fototeca - Biblioteca Panizzi - Reggio Emilia
----- Inoltrato da Laura Gasparini/Comune di Reggio Emilia/IT il 11/03/2005
08:40 -----
|---------+--------------------------------------------->
|         |           "Museo Fotografia Contemporanea - |
|         |           Newsletter"                       |
|         |           <newsletter a museofotografiacontemp|
|         |           oranea.org>                       |
|         |                                             |
|         |           10/03/2005 21:32                  |
|         |                                             |
|---------+--------------------------------------------->
  >----------------------------------------------------------------------------------------------|
  |                                                                                              |
  |       Per:      <laura.gasparini a municipio.re.it>                                            |
  |       Cc:                                                                                    |
  |       Oggetto:  MFC Newsletter n. 3/2005 - 10 marzo                                          |
  >----------------------------------------------------------------------------------------------|



                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
 logo                                                                                                     
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
               museo fotografia contemporanea                                                             
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
              Museo di Fotografia Contemporanea                                                           
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE > INAUGURAZIONE                                                         
              MARTEDI 22 MARZO                                                                            
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il Museo di Fotografia Contemporanea presenta L'ESTASI DELLE COSE, oltre 500 immagini       
              dedicate alla presenza e al significato degli oggetti industriali nella vita dell'uomo      
              contemporaneo, dagli anni Trenta del Novecento ad oggi.                                     
                                                                                                          
                                                                                                          
              La mostra, prodotta dal Fotomuseum Winterthur e curata da Urs Stahel e Thomas Seelig, è     
              esposta nelle due sedi del Museo di Fotografia Contemporanea a Cinisello Balsamo e dello    
              Spazio Oberdan a Milano, dal 23 marzo al 12 giugno 2005.                                    
                                                                                                          
                                                                                                          
              L'inaugurazione è martedì 22 marzo 2005                                                     
              ore 18 Spazio Oberdan, Milano: inaugurazione della mostra L'ESTASI DELLE COSE. NEL          
              QUOTIDIANO                                                                                  
              ore 21 Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello Balsamo: inaugurazione della mostra     
              L'ESTASI DELLE COSE. NELL'ARTE                                                              
              ore 22 corte di Villa Ghirlanda: PENTOLE E COMPUTER, progetto sonoro di Marco Messina e     
              Gennaro de Rosa                                                                             
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::                                                                                 
                                                                                                          
              SOUNDSCAPES#2 > CONCERTO PER L'INAUGURAZIONE                                                
                                                                                                          
                                                                                                          
              Torna al museo la musica sperimentale, in un concerto realizzato in collaborazione con la   
              Fondazione Arezzo Wave Italia che si terrà nella suggestiva corte seicentesca della villa   
              per l'inaugurazione della mostra.                                                           
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il progetto sonoro PENTOLE & COMPUTER, di Marco Messina (99 Posse) e Gennaro De Rosa        
              (Mandara), evidenzia il rapporto possibile tra un oggetto (la pentola d’uso comune)         
              trasformato in strumento e l'elaborazione digitale in tempo reale del suo suono, dando vita 
              a una performance dal gusto ibrido, tra suono analogico e digitale, tra l’improvvisazione e 
              la scrittura, ogni volta diversa ed originale.                                              
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il concerto costituisce una lettura anche in chiave musicale del tema portante della mostra 
              e contribuisce a rafforzarne il senso, quello di un’immersione totale e carica di stupore   
              nel mondo delle cose.                                                                       
                                                                                                          
                                                                                                          
              Inizio previsto intorno alle ore 22, ingresso libero.                                       
              In caso di maltempo la performance sarà spostata all'interno del museo.                     
                                                                                                          
                                                                                                          
              info nella sezione file://F/eventi del sito                                                 
              www.museofotografiacontemporanea.org                                                        
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::::                                                                               
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE > LA MOSTRA                                                             
                                                                                                          
              La mostra è aperta dal 23 marzo al 12 giugno 2005 in due sedi:                              
                                                                                                          
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE. NELL'ARTE                                                              
              Museo di Fotografia Contemporanea, Villa Ghirlanda, via Frova 10, Cinisello Balsamo-Milano. 
              orari: giovedì 15-23, venerdì e sabato 15-19, domenica e festivi 10-19                      
                                                                                                          
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE. NEL QUOTIDIANO                                                         
              Spazio Oberdan, viale Vittorio Veneto 2, Milano.                                            
              tutti i giorni 10-19.30, martedì e giovedì fino alle 22. Chiuso il lunedì (tranne 28/3 e    
              25/4)                                                                                       
                                                                                                          
                                                                                                          
              Biglietto unico 5 euro. Ridotto 3,50 euro.                                                  
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::::                                                                               
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE. NELL'ARTE presso il Museo di Fotografia Contemporanea, Cinisello       
              Balsamo.                                                                                    
              Questa parte della mostra presenta un insieme di circa 100 opere fotografiche, dalle        
              avanguardie ai giorni nostri, di artisti che hanno scelto l’oggetto prodotto                
              industrialmente come tema del loro lavoro e fa luce su possibili interpretazioni e          
              variazioni linguistiche, dalla rivisitazione della natura morta, all’analisi dell’oggetto   
              di impronta Bauhaus, allo spirito dadaista del ready made, all’oggetto vissuto in chiave    
              surrealista o nella forma dell’installazione. Questa varietà di linguaggi nati e            
              sviluppatisi a partire dalle avanguardie in poi ha pienamente investito tutti gli ambiti    
              della comunicazione che impiega l’immagine fotografica nei più diversi ambiti della         
              produzione.                                                                                 
                                                                                                          
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE. NEL QUOTIDIANO, allo Spazio Oberdan, Milano.                           
              Questa parte della mostra presenta più di 450 fotografie di utilizzo industriale,           
              pubblicitario, editoriale, divise in quattordici aree tematiche che analizzano e raccontano 
              gli oggetti nella vita quotidiana, nella produzione e nella comunicazione di massa (dai     
              trasporti all’abbigliamento, dal cibo ai giochi dei bambini, dagli ambienti di lavoro al    
              tempo libero, dalla comunicazione all’arredamento, dai materiali allo sport, al corpo, alla 
              cosmesi, al decadimento degli oggetti).                                                     
              Altre sezioni mettono in evidenza concetti trasversali legati all’idea stessa di forma e di 
              design, alla stretta relazione di questa con la produzione e l’uso dell’immagine            
              fotografica, al rapporto quotidiano con le cose, con il loro funzionamento, il possesso, il 
              commercio.                                                                                  
                                                                                                          
                                                                                                          
              Fra i principali autori presenti: Eugène Atget, Aldo Ballo, Olivo Barbieri, Hans Bellmer,   
              Harold Eugene Edgerton, Peter Fischli e David Weiss, Jean-Louis Garnell, Luigi Ghirri, John 
              Gossage, André Kertész, François Kollar, Manolo Laguillo, Reinhard Matz, Duane Michals,     
              Paul Outerbridge, Federico Patellani, Walter Peterhans, Albert Renger Patzsch, August       
              Sander, Anton Stankowski, Edward Steichen, Man Ray, Maurice Tabard, Wolfgang Tillmans,      
              William Wegman, Wols.                                                                       
              Fra le più importanti industrie: Apple, Armani, Barilla, Bayer, BMW, Bosch, Siemens, Fiat,  
              Krupp, Lego, Lufthansa, Luxottica, Migros, Alessi, Kartell, Pirelli, Renault, Safilo,       
              Volvo.                                                                                      
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
              informazioni, testi e immagini della mostra nella sezione //F/mostre del sito               
              www.museofotografiacontemporanea.org                                                        
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::::                                                                               
                                                                                                          
              THE ECSTASY OF THINGS > CATALOGO                                                            
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il catalogo, in lingua inglese (400 pagine, edito dall’editore tedesco Steidl), comprende   
              oltre 500 fotografie in bianco e nero e a colori e i contributi scritti di Hubertus von     
              Amelunxen, Norbert Bolz, Gerda Breuer, David Campany, Neil Cummings, Gisela Ecker, Michel   
              Frizot, Martin Jaeggi, Michael Jakob, Thilo Koenig, Susanne Scholz, Thomas Seelig, Urs      
              Stahel, Timm Starl.                                                                         
                                                                                                          
                                                                                                          
              info nella sezione //F/edizioni del sito                                                    
              www.museofotografiacontemporanea.org                                                        
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::::                                                                               
                                                                                                          
              L'ESTASI DELLE COSE. NELL'ARTE > VISITE GUIDATE                                             
                                                                                                          
                                                                                                          
              Visita guidata gratuita e aperta a tutti alla mostra L'ESTASI DELLE COSE. NELL'ARTE, presso 
              il Museo di Fotografia Contemporanea, ogni domenica alle 11.30, per tutta la durata della   
              mostra.                                                                                     
                                                                                                          
                                                                                                          
              Vista guidata per i gruppi, su prenotazione, il giovedì pomeriggio.                         
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::::                                                                               
                                                                                                          
              OGGETTO INDUSTRIALE, SOGGETTO DI MEMORIA > GIORNATA DI STUDIO E CONFERENZE MULTIMEDIALI     
                                                                                                          
                                                                                                          
              Nel corso della mostra e in ideale collegamento con essa, la sala cinematografica dello     
              Spazio Oberdan ospiterà cinque eventi, organizzati dalla Provincia di Milano in             
              collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta e curati da Enrico Castruccio, dal titolo 
              complessivo: “Oggetto industriale, soggetto di memoria”.                                    
                                                                                                          
                                                                                                          
              Per il 4 aprile è prevista la giornata di studio “Recupero, salvaguardia, valorizzazione    
              degli oggetti industriali: situazione attuale e futuro possibile”, rivolta a un pubblico    
              specializzato. Interverranno le principali realtà culturali milanesi e italiane legate alla 
              cultura dell'oggetto industriale. Vi saranno alcuni contributi europei.                     
                                                                                                          
                                                                                                          
              Gli altri quattro eventi, destinati a un pubblico più vasto, sono realizzati sotto forma di 
              “conversazioni multimediali”, con proiezione di filmati e immagini. Ognuno di essi è        
              dedicato a un particolare oggetto di produzione industriale.                                
              Le conversazioni multimediali, con inizio alle ore 18, avranno una durata di circa 100      
              minuti; ognuna di esse sarà tenuta da quattro relatori di diverse culture ed esperienze: un 
              oggetto della vita di tutti i giorni verrà mostrato da varie angolazioni, mettendone in     
              evidenza in maniera brillante la molteplicità dei significati pratici, sociali e simbolici. 
              11 aprile: la calza da donna, in collaborazione con Sistema Moda Italia                     
              18 aprile: la pentola                                                                       
              2 maggio: la macchina fotografica, in collaborazione con il Museo Fotografia Contemporanea  
              9 maggio: lo scooter.                                                                       
                                                                                                          
                                                                                                          
              info sul sito www.provincia.milano.it/cultura                                               
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::                                                                                 
                                                                                                          
              NETSHOT > REALIZAZIONE PROGETTO                                                             
                                                                                                          
                                                                                                          
              La giuria, composta da Matteo Balduzzi, Claudio Parrini, Gianni Romano, Franco Vaccari e    
              UnDo.Net ha proclamato vincitore il progetto NIGHTSHIFTS, di Meris Angioletti e ha          
              assegnato una menzione ai progetti CONCATENAMENTI,di Gea Casolaro e RITRATTI D'ITALIA, di   
              Luca Casonato.                                                                              
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il progetto vincitore è attualmente in fase di realizzazione, con la collaborazione         
              dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.                                                     
              Aggiornamenti nella sezione news del sito netshot.                                          
              Lo spazio di discussione, aperto a tutti, rimane on-line fino alla chiusura del progetto.   
                                                                                                          
              www.museofotografiacontemporanea.org/contemporanea/netshot                                  
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::                                                                                 
                                                                                                          
              PREMIO PAOLO COSTANTINI > GIURIA AL LAVORO                                                  
                                                                                                          
                                                                                                          
              E' scaduto il bando di concorso del premio Paolo Costantini, riservato a saggi sulla        
              fotografia contemporanea.                                                                   
                                                                                                          
                                                                                                          
              I lavori pervenuti sono stati inoltrati ai membri della giuria, Pierangelo Cavanna, Elio    
              Grazioli, Marina Miraglia, Roberto Signorini, Roberta Valtorta.                             
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il nome del vincitore sarà comunicato entro il mese di maggio 2005; entro la fine dell'anno 
              il lavoro vincitore sarà pubblicato integralmente nella collana Quaderni di Villa           
              Ghirlanda.                                                                                  
                                                                                                          
                                                                                                          
              Il premio è stato istituito al fine di promuovere la riflessione teorica e la ricerca                     storica e storiografica sulla fotografia e di favorire la circolazione di idee e di saperi  
              necessari al dibattito contemporaneo e alla crescita della cultura fotografica e più in     
              generale artistica in Italia ed ha scadenza biennale.                                       
                                                                                                          
                                                                                                          
              Aggiornamento sulle operazioni della giuria e sul bando di concorso nella sezione file:     
              //C/ del sito ww.museofotografiacontemporanea.org                                           
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::                                                                                 
                                                                                                          
              BIBLIOTECA > ORARI DI APERTURA                                                              
                                                                                                          
                                                                                                          
              La biblioteca del Museo di Fotografia Contemporanea è aperta al pubblico tutti i venerdì    
              dalle 10 alle 19.                                                                           
              Sono a disposizione del pubblico circa 4500 dei 10000 volumi che costituiscono il           
              patrimonio librario del museo, 3500 dei quali catalogati.                                   
                                                                                                          
                                                                                                          
              Tutte le informazioni nella sezione file://M/biblioteca del sito                            
              www.museofotografiacontemporanea.org                                                        
                                                                                                          
                                                                                                          
              ::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: 
              :::::::::::                                                                                 
                                                                                                          
              COME RAGGIUNGERE CINISELLO > LAVORI IN CORSO                                                
                                                                                                          
              Si stanno avviando a conclusione i lavori di risistemazione del tratto di via Frova         
              antistante Villa Ghirlanda, che sarà riaperto completamente al traffico pubblico e          
              pedonale.                                                                                   
              La fermata dei mezzi pubblici provenienti da stazione centrale e da sesto FS rimane per ora 
              nei pressi del municipio, a poche decine di metri dal museo.                                
              Nel frattempo la chiusura al traffico di via Gorki, per la posa dei binari della            
              metrotranvia, comporta dei problemi per chi proviene da Milano lungo viale Fulvio Testi.    
              per raggiungere il centro di Cinisello e Villa Ghirlanda sono presenti alcune deviazioni    
              segnalate di volta in volta.                                                                
              Una soluzione alternativa è proseguire lungo viale Fulvio Testi, poi viale Brianza, e       
              svoltare a sinistra al primo semaforo, seguendo poi le indicazioni per il museo.            
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
              www.museofotografiacontemporanea.org                                                        
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          
                                                                                                          





Maggiori informazioni sulla lista S-fotografie